Pek's Mirror

Three hands same passion

EcoFashion

Lascia un commento

Immagine

Mentre Edo è alle prese con servizi fotografici e sfilate e Polly è in ritiro studio nella campagna casentinese io sono ad un convegno sull’ecologia narrativa ad Anghiari, dove l’ospite speciale è l’indiana Vandana Shiva, premio “Right Livelihood Award” grazie alla sua associazione “Vandanaya” che si impegna nello sviluppo delle biodiversità agricole.

Cosa c’entra questo con un blog di moda? Niente e un pò tutto in verità, infatti se il pensiero agricolo è sempre più rivolto ad un comportamento ecofriendly anche la moda non è da meno.

Tra le prime fautrici della moda ecocompatibile ricordiamo Stella McCartney che è riuscita a rendere il suo marchio distintivo grazie al concetto eco. La ultra nota “Falabella” infatti è prodotta nel rispetto dell’ ambiente dai materiali alla fabbricazione. Trasversalmente anche la moda influenza l’agricoltura, sempre più frequenti sono i riferimenti fashion nelle campagne publicitarie ecologiche e ancor più frequenti i prodotti bio con un design alla moda.Immagine

(falabella bag)

Un segno evidente di ciò che dico è che al convegno di cui vi parlavo poco sopra gli ospiti si sono presentati di tutto punto con giacche e occhiali di tendenza mentre le signore avevano look dai particolari interessanti tanto da chiedersi se l’atmosefera non fosse più propria ad un Pitti Immagine piuttosto che ad un convegno sull’ecologia! !

Restano ancora però molti dubbi sulla coesione di questi aspetti ovvero: l’inquinamento che producono le aziende di moda e il concetto consumista che queste suggeriscono, anche se alcune aziende come Intimissimi hanno abbracciato la campagna del riciclo di abiti usati, molte altre ancora operano inquinando….resta dunque la domanda…potranno un giorno moda ed ecologia arrivare ad un punto di simbiosi totale?

Immagine

While Edo is busy with the shooting and Polly is studing in the countryside of Casentino, I am in Anghiari attending a conference about narrative ecology, where the special guest Vandana Shiva from India, winner of “Right Livelihood Award” and  her association Vandanaya talk about agricultural biodiversity development.

What has that got to do with a fashion blog? Nothing and everything, indeed. If the agricultural world is everyday more bound to an eco-friendly behavior, the world of fashion should not lag behind in this respect.

Among all the promoters of ecofrienfly fashion I remind you Stella McCatney who used her eco-ideas as main feature of her brand. The famous Falabella is made in respect of environment from materials straight to production. But fashion influences agriculture too, in fact ecological campaign and bio products above all are connected to this world and particularly  in order to research a fashionable design.

ImmagineImmagine

Kim

Traslator: Nik

Annunci

Autore: PEK

Fashion Blog PEK The mirror è un blog nuovo, giovane e diverso, nuovo giovane come sono giovani i suoi tre fondatori: la più grande ha 23 anni la più piccola ne ha 20 e infine diverso… diverso dagli altri fashion Blog! The Pek's Mirror è un acronimo e significa “LO SPECCHIO DI POLLY EMS e KIM”, ovvero i nomi dei blogger e lo specchio è il loro stesso blog attraverso il quale i “Pek” diffondono una loro personalissima idea della Moda e degli aspetti ad essa interconnessi. Quello che si trova dentro il Mirror’s è un po’ quello che trovò Alice quando attraversò lo specchio: di tutto, eventi, street style, mostre, interviste… Chi sono i soggetti di questo blog? Quelli ancora non protagonisti, ancora non famosi, i giovani talenti, quelli che si devono far strada con le loro proposte in un mondo dove arte e moda vengono schiacciati dai colossi: i grandi brand, le firme note... Dove? Principalmente a Firenze, ma anche fuori nella provincia e fino a dove arrivano gli occhi di Ems, Polly e Kim. Come? cercando ovunque, ma non nei sentieri già battutti, bensì fuori dalle vie conosciute, dove tutto si riconosce ed è scontato che lo sia, nelle vie alternative, nei luoghi che fiutano i segugi e cultori delle subculture. Perché? perché molti fino ad ora hanno aperto un blog, cosa che spesso si traduce in una sorta di diario, questo invece è una specie di vetrina che da visibilità ai “Pek”, ma ne da moltissima agli altri e al mondo che essi ritengono Fashion… Vale la pena entrare dentro questo specchio e vedere quali meraviglie i “Pek” avranno scovato negli angolini non troppo conosciuti di Firenze, dintorni e in un futuro chissà... Creatori: Anna Cipriani-Armida Kim-Edoardo Maria Savoia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...